Questo gioco per fan dei Pokémon è letteralmente fatto di un font

this pok mon fan game is very literally made out font

Fontemon

(Credito immagine: Michael Mulet)



Ho appena trascorso mezz'ora a giocare a un adattamento divertente e avventuroso di Pokémon che è stato creatodentroun carattere. Non è un concetto facile da capire, quindi cercherò di spiegare. Normalmente, quando premi il tasto 'a' sulla tastiera, sullo schermo appare una 'a'. Quella 'a' è un glifo e ha un aspetto diverso a seconda del carattere che stai utilizzando. In wingdings, per esempio, premendo 'a' si digita: ︎.



In Fontemon.otf, digitando 'a' non viene visualizzata una lettera. Gioca a Pokémon (beh, una parodia Pokémon breve e molto intelligente, ma abbastanza vicina).

'Immagino che l'inglese medio pensi che un font sia qualcosa del genere: digiti un tasto... [e] la lettera appare sullo schermo', scrive Michael Mulet, che ha creato il font/gioco Fontemon. 'Ma i caratteri possono fare molto di più.MoltoDi più.'



In un post su Github , Mulet spiega come Fontemon (e i caratteri stessi) funzionano. La versione breve è che nel tipo aperto, un formato di carattere popolare, ci sono in realtà molti modi per disegnare le lettere, note anche come glifi, che appaiono sullo schermo. Non devono essere lettere. Al livello più elementare, scrivi il codice che determina dove disegnare i pixel sullo schermo e Mulet lo ha manipolato per creare immagini complete, come i Pokémon che combattono. Ogni volta che si preme un tasto si passa a un'altra immagine e, mettendone insieme un sacco, Fontemon assume la qualità di un libro a fogli mobili. Più velocemente digiti, più veloce è il tuo 'framerate'.

Ogni singolo fotogramma di Fontemon - tutti 4.696 - è il suo glifo individuale, solo molto più impressionante della lettera 'a'. Per creare una grafica ragionevolmente dettagliata, Mulet ha unito il bianco e nero disegnando pixel neri a metà dimensione: il carattere reso farà la media della metà nera con la metà bianca per produrre il grigio. Puoi leggere di più su come funziona nel post Github di Mulet, ma il gioco è impressionante anche se non sai perché schiacciare i tasti casuali sulla tastiera lo fa funzionare.

Sono stato in grado di installare Fontemon in Windows e farlo apparire in LibreOffice, anche se la formattazione era un po' traballante. Si gioca più facilmente nella finestra del browser creata da Mulet, ma se sei determinato, mostra che è possibile giocare anche sul tuo desktop se Scarica il carattere.



Sebbene sia per lo più lineare, Fontemon ti costringe regolarmente a fare delle scelte digitando una lettera specifica, di solito per scegliere quale attacco usare in battaglia. Ogni attacco è sciocco e molti mi hanno fatto ridere a crepapelle. Non c'è una vera strategia qui: basta fare delle scelte e poi vedere i risultati giocare in modi divertenti. Prendi questa battaglia contro la doppia minaccia di Sans-Scareif e Chiller, quando ho scelto erroneamente di usare il mio attacco foglia: Verdanta usa LEA... aspetta dov'è finito? È dietro di te! AAAAAH! AAAAH! Aaa…'

Poi ho avuto un Game Over.

Ma va bene, perché puoi semplicemente premere backspace un paio di volte per eliminare le lettere che hai digitato - ricorda, ogni lettera fa avanzare il gioco di una singola schermata - e tornare indietro per scegliere un attacco diverso. Se tuveramentevuoi farti esplodere il cervello, torna in un punto qualsiasi della sequenza di lettere che hai digitato e inseriscine una nuova per riprendere improvvisamente il gioco da quel punto. È come viaggiare nel tempo.



L'intero gioco è davvero divertente. È ambientato nel noto stato del Minnesota, ricco di Pokémon, con alcune barzellette regionali che non ho capito e molte barzellette sui font che ho fatto, come due dei Fontimon iniziali chiamati Papyromaniac e Verdanta.

Senza rovinare nulla, qui c'è anche un tocco di Frazioni di rana. Il finale che ho ottenuto, percorrendo quello che pensavo fosse un percorso lineare, non è l'unico.

Fontemon sarebbe un modo divertente per passare mezz'ora anche se non fosse, incredibilmente, costruito all'interno di un font. Ma lo è, e sapere che mentre stai giocando è piuttosto sorprendente.

'L'ho sempre detto ai miei amici: 'Se vuoi fare un gioco, crea un gioco. Se vuoi creare un motore di gioco, crea un motore di gioco. Ma mai, mai, creare un motore di gioco per realizzare il tuo gioco!'' Mulet ha scritto su Github, spiegando che scrivere il proprio motore di gioco porta alla tentazione infinita di aggiustare e migliorare le cose piuttosto che semplicemente creare un gioco.

Sono contento che non abbia seguito il suo stesso consiglio e abbia creato Fontemon perché, come dice lui: 'Ho dovuto infrangere le mie regole perché non esistono letteralmente altri motori di giochi di font'.

Grazie, Daniele .